Tenuta Variselle Roppolo sul lago di Viverone

Nuovo piano di Comunicazione Eventi e Web Design per la splendida Tenuta Variselle di Roppolo, immersa nel verde dei colli della Serra Morenica e affacciata sul panorama incantevole del Lago di Viverone, dominando un paesaggio di rara bellezza e suggestione. La struttura di charme, recentemente restaurata e valorizzata dai proprietari, è stata concepita per associare l’ospitalità più raffinata alla schiettezza delle produzioni e delle tradizioni locali.

Da questo legame nasce la definizione di “Agriturismo di Charme”, un’espressione che vuole anche manifestare la passione per il proprio lavoro e l’amore per la natura della famiglia Busca, tutta direttamente impegnata nella Tenuta. Il vigneto, il mirtilleto, l’orto di Clizia ed il bosco circostante fanno da splendida cornice all’edificio principale, che si inserisce con grande armonia nel suo contesto naturale affacciato sul lago a due passi da Biella e da Torino.

www.tenutavariselle.it

Figlio della zona Morenica della Serra, il Lago di Viverone rappresenta la perfetta simbiosi tra un ambiente naturale caratterizzato da un’area di elevato interesse lacustre ed ornitologico e il divertimento, grazie ai percorsi ideati per mountain bike, horse riding, pesca, vela, sci nautico e canottaggio.

Sei chilometri quadrati di superficie oggi accolgono un’oasi di protezione faunistica che valorizza al massimo le specie acquatiche che popolano le sue acque: sono migliaia gli uccelli acquatici che nidificano sulle sue sponde, e la fauna ittica rende il lago una meta ideale per entrare in contatto con la natura.

Diviso tra la Provincia di Torino e la Provincia di Biella, il Lago di Viverone è un importante sito archeologico di reperti preistorici dell’Età del Bronzo. È del 1996 la prima scoperta di un campo di pali nella zona di Cascina Nuova (in frazione Masseria), a cui sono poi seguite altre scoperte, soprattutto in quella zona ma anche sul versante nord al Porticciolo, grazie ai rilievi subacquei effettuati nel corso degli ultimi trent’anni.

I commenti sono chiusi